Come configurare il tuo Account di Posta (ARUBA) del tuo sito internet su Iphone 3/4

maggio 26, 2011 Lascia un commento

In molti Forum ci sono utenti che chiedono informazioni inerenti la corretta configurazione di Email Aruba su iPhone.
Vediamo assieme come configurarlo correttamente con questa piccola guida passo…passo….

Andate in “Impostazioni > Email, Contatti, Calendari” e successivamente su ” Aggiungi Account > Altro”.

Nome: Inserite il vostro Nome o quello che desiderate che compaia quando qualcuno riceve una vostra Email.
Indirizzo:
Inserite il vostro Indirizzo Email che volete Configurare.
Password: Password Account email.

Salvate, poi selezionate in alto la voce “POP” e procedete con la seguente configurazione:

Server Posta in Arrivo: pop3.tuosito
Nome Utente: Indirizzo Email
Password: Password Account Email

Nome Utente: Indirizzo Email
Password:
Password Account Email
Server Posta in Uscita: (host) smtp.tuosito
Nome Utente:
Indirizzo Email
Password: Password Account Email

Salvate il tutto e attendete un paio di minuti. Successivamente, vi dovrebbe chiedere di Configurare in SSL. Accettate e il tutto dovrebbe funzionare correttamente.

Aggiornamento

Qualche giorno successivo a questa configurazione, Aruba mi restituiva un errore del tipo “Impossibile connettersi al pop3”. Il tutto è stato risolto disabilitando l’utilizzo del SSL. Per disabilitarlo, occorre andare in: Impostazioni > E-mail, Contatti, Calendari > Selezionare l’Account Email > Avanzate > Usa SSL (I/O) metterlo su O (disattivato).

Buona Navigazione
Riccardo Proetto e Silvia Pistolesi


Facebook
Twitter
More...

Categorie:Uncategorized

PERCHE’ LE PERSONE GRIDANO QUANDO SONO ARRABBIATE?”

maggio 25, 2011 2 commenti

Un giorno, un pensatore indiano fece la seguente domanda ai suoi discepoli:”Perché le persone gridano quando sono arrabbiate?” “Gridano perché perdono la calma” rispose uno di loro. “Ma perché gridare se la persona sta al suo lato?” disse nuovamente il pensatore. “Bene, gridiamo perché desideriamo che l’altra persona ci ascolti” replicò un altro discepolo. E il maestro tornò a domandare: “Allora non è possibile parlargli a voce bassa?” Varie altre risposte furono date ma nessuna convinse il pensatore. Allora egli esclamò: “Voi sapete perché si grida contro un’altra persona quando si è arrabbiati? Il fatto è che quando due persone sono arrabbiate i loro cuori si allontanano molto. Per coprire questa distanza bisogna gridare per potersi ascoltare. Quanto più arrabbiati sono tanto più forte dovranno gridare per sentirsi l’uno con l’altro. D’altra parte, che succede quando due persone sono innamorate? Loro non gridano, parlano soavemente. E perché? Perché i loro cuori sono molto vicini. La distanza tra loro è piccola. A volte sono talmente vicini i loro cuori che neanche parlano, solamente sussurrano. E quando l’amore è più intenso non è necessario nemmeno sussurrare, basta guardarsi. I loro cuori si intendono. E’ questo che accade quando due persone che si amano si avvicinano.” Infine il pensatore concluse dicendo: “Quando voi discuterete non lasciate che i vostri cuori si allontanino, non dite parole che li possano distanziare di più, perché arriverà un giorno in cui la distanza sarà tanta che non incontreranno mai più la strada per tornare.”

( tratto da alcuni testi di Mahatma Gandhi)
Riccardo Proetto e Silvia Pistolesi


Facebook
Twitter
More...

Categorie:Uncategorized

Il Significato

maggio 18, 2011 Lascia un commento


Ho perdonato errori quasi imperdonabili, ho provato a sostituire persone insostituibili e dimenticato persone indimenticabili.

Ho agito per impulso, sono stato deluso dalle persone che non pensavo lo potessero fare, ma anch’io ho deluso.

Ho tenuto qualcuno tra le mie braccia per proteggerlo; mi sono fatto amici per l’eternità.

Ho riso quando non era necessario, ho amato e sono stato riamato, ma sono stato anche respinto. Sono stato amato e non ho saputo ricambiare.

Ho gridato e saltato per tante gioie, tante. Ho vissuto d’amore e fatto promesse di eternità, ma mi sono bruciato il cuore tante volte!

Ho pianto ascoltando la musica o guardando le foto.

Ho telefonato solo per ascoltare una voce.

Mi sono di nuovo innamorato di un sorriso. Ho di nuovo creduto di morire di nostalgia e… ho avuto paura di perdere qualcuno molto speciale (che ho finito per perdere)… ma sono sopravvissuto! E vivo ancora!

E la vita, non mi stanca… E anche tu non dovrai stancartene. Vivi! È veramente meraviglioso battersi con persuasione, abbracciare la vita e vivere con passione, perdere con classe e vincere osando, perchè il mondo appartiene a chi osa!

La Vita è troppo bella per essere insignificante!

(tratto da alcuni scritti di: Charlie Chaplin)

Riccardo Proetto e Silvia Pistolesi

Categorie:Uncategorized

How to Start Your Business

maggio 10, 2011 Lascia un commento

If you want to start a business and don’t know where to start, don’t worry, you are not alone. You can follow 8 simple Steps as a guideline. Just do it !!



8 Tips to Get You Started:

Commit to Yourself.

If you are dissatisfied with your current circumstances, be honest to yourself: no one can fix them except you. It doesn’t do any good to blame the economy, your boss, your spouse or your family. Change can only occur when you make a conscious decision to make it happen. Make this decision now and go for it.


Identify the Right Business for You.

Give yourself permission to explore. Be willing to look at different angles of yourself (your personality, social styles, age) and listen to your intuition, your heart. We tend to ignore intuition even though deep down we often know the truth. Ask yourself “What gives me energy even when I’m tired?”

How do you know what business is “right” for you? There are three common approaches to entrepreneurship:


Do What You Know: Have you been laid off or want a change? Look at what you have done for others in the past… think about how you could package those skills up and offer them to your clients in your own services or products.


Do What Others Do: Learn about other businesses that interest you. Once you have identified a business you like, model it, model the Masters and reproduce it making the difference that you want by adding even more value to your clients.


Solve a Common Problem: Is there a gap in the market or in your community? Is there a service or product you would like to bring to the market? (Note: This is the highest-risk of the three approaches.) If you choose to do this, make sure that you become a student and gain knowledge first before you spend any money.
 

Business Planning Improves Your Chances for Success.

Most people don’t plan and after a while they wonder why they don’t have the life they want to have. Planning will help you to achieve your goals faster. A business plan will help you gain clarity, focus and confidence. A plan does not need to be longer than few pages. As you write down your goals, strategies and action steps, your business becomes real.

Ask yourself the following questions:
 – What am I building?
- Who will I serve? who is my ideal customer?
- What is the promise I am making to my customers/clients and to myself?
- What are my goals, strategies and action plans (steps) to achieve my goals? -What am I willing to do in order to make this happen? (Be hungry, be bold)

 
Know Your Target Audience Before You Spend a Penny.

Before you spend money, find out if people will actually buy your products or services. This may be the most important thing you do. You can apply this by validating your market. Write down in details who will buy your products or services other than your family or friends. ( Don’t say. “Everyone in the world will want my product.” Trust me: they won’t.) What is the size of your target market? Is your product or service relevant to their everyday life? Why do they need it?

There are industry researches available that you can use for free. Read industry articles with data (Google the relevant industry associations) and read Census data to learn more. However, the most important way to get this information is to ask your potential customers directly and then listen.

Understand Your Personal Finances and Choose the Right amount of Money You Need for Your Business.

As an entrepreneur, your personal life and business life are interconnected. You are likely to be your first–and possibly only–investor at the beginning. Therefore, having a detailed understanding of your personal finances, and the ability to track them, is an essential first step before seeking outside funding for your business. This is why I recommend setting up your personal accounts in a money management system such as http://www.Mint.com to simplify this process (it’s free, available only in USA and CANADA. In ITALY ask to Myndit: myndit@imyndit.com).

As you are creating your business plan, you will need to consider what type of business you are building. For example some lifestyle business (needs to start with a small amount of money), a franchise (moderate investment depending on the franchise), or a high-tech business (will require significant capital investment) as an example. Depending on where you are going to locate yourself, you will need a different amount of money to launch and grow your business.
 

Build a Great Network.

You’ve made a public commitment to your business. Now you need to cultivate a network of supporters, advisors, partners, allies and vendors. If you believe in your business, others will do, too.

Network locally, nationally & via social networks. Join networks like your local chamber of commerce, or other relevant business groups. Here are some networking basics:

- When attending networking events, ask others what they do and how you can contribute to their success. The key is to activelly listen .
- No matter what group you join, be generous, help others and be “problems solver” without charging them.
- By becoming a generous leader, you will be the first person that comes to mind when someone you’ve helped needs your products/ services or when they hear of someone else who needs you.

Creating Value, make the difference.

Even though we purchase products and services every day, people don’t want to be “sold.” Focus on serving others. The more people you serve, the more money you will make. When considering your customers or clients, ask yourself:

- What can I give them?
- How can I make them successful in their own pursuits?
- This approach can help lead you to a new way to appreciate your products or services and deliver more value, that your customers will love.

Get the Word Out.

Be willing to say who you are and what you do with conviction and without apology. Embrace and use the most effective online tools (Twitter, Facebook, YouTube, LinkedIn) available to broadcast your news. Use social networks as “pointer” sites; i.e., to point whatever you think will be of interest to your fans and followers.

Even though social networks are essential today (you must use them!), don’t underestimate the power of other methods to get the words out: e.g., word-of-mouth marketing, website and internet marketing tools, public relations, blog posts, columns and articles, speeches, e-mail, newsletters, and the old-fashioned but still essential telephone.

If you take these steps, you’ll be well on your way to becoming your own boss. It’s important to remember that you are not alone. If you want to “be your own boss” and you still feel stuck, reach out and connect with other entrepreneurs in many ways. Feel free to join our facebook page: Myndit -Coaching & Masters- of Proetto e Pistolesi. You may be surprised by the invaluable contacts that are right there at your fingertips.
We are gratefull to share this knoladge with you.

To your success
Enjoy, have fun!!!
Riccardo Proetto


Facebook
Twitter
More...

Categorie:Uncategorized

aprile 28, 2011 Lascia un commento

Myndit Wealth 4LIFE

CRISI ANNUNCIATA
L’epicentro di ogni crisi è il buco nero nell’ alfabetizzazione finanziaria di molte persone. Masse di consumatori hanno effettuato calcoli matematici con aspettative distorte e irrealistiche. Oggi e’ crisi!!!
Per evitare un’altra catastrofe nel capitalismo mondiale, alcuni parlamentari Inglesi hanno recentemente chiesto in parlamento che nelle scuole venga introdotta un’istruzione obbligatoria nel campo della finanza personale e dell’educazione finanziaria.
L’educazione deve cominciare! Bisogna concentrarsi sulla psicologia, per poi utilizzare anche strumenti tecnologici a supporto.

IL SISTEMA EDUCATIVO
Oggi, il sistema educativo è un mix casuale di programmi volontari e obbligatori, e non esiste uno standard per garantire una conoscenza di base nella finanza personale.
Questa mancanza di istruzione, sia in America che nel resto del mondo, ha portato a livelli bassi di alfabetizzazione finanziaria.
UNA DOMANDA METTE IN CRISI IL 50% DELLE PERSONE
Secondo un rapporto del Brookings Institute, tra gli individui di età superiore ai 50 anni, solo la metà è stato in grado di rispondere a questa domanda:
“Si supponga di avere 100 euro in un conto di risparmio e il tasso di interesse è stato del 2% all’anno. Dopo 5 anni quanto pensi di avere nel conto, se hai lasciato crescere con quel tasso di interesse? più di euro 102, esattamente 102 euro oppure meno di euro 102 ? ”

In un altro sondaggio ancora è emerso che un ITALIANO su tre crede che “la strategia più pratica per accumulare tanti soldi” per il pensionamento o per la ricchezza, sia giocare alla lotteria !!!
APPROCCIO ALL’EDUCAZIONE FINANZIARIA
È quindi l’educazione la risposta? La relazione di Brookings rileva che ”Nessuno dei quattro approcci tradizionali per l’alfabetizzazione finanziaria – quella basata sul lavoro, basata sulla scuola, la consulenza, o nelle comunità – ha generato una forte evidenza che gli sforzi di alfabetizzazione finanziaria abbiano avuto davvero impatti positivi e sostanziali”.
MA ALCUNI STATI HANNO TROVATO UNA SOLUZIONE
Eppure, da molte parti nel mondo accademico, viene evidenziato che gli Stati con obblighi di formazione finanziaria mostrano segni di successo.
I programmi possono fallire, se cercano di istruire le persone troppo tardi nella vita o anche se sono troppo lunghi.
Una formazione avanzata e’ riservata agli “addetti ai lavori”.
E IN ITALIA??
Stiamo vivendo in un periodo dove “I Guru” dei sistemi vincenti aumentano ogni giorno. Una enormita’ di consulenti e Promotori Finanziari che si impegnano a fare educazione finanziaria. Una serie di iniziative per “fare soldi” con prodotti finanziari. Una serie di pubblicita’ dove quello che conta e’ solo il prodotto di una banca piuttosto che quello di un’altra. Bombardati da pubblicita’!!! Il governo e gli organi competenti ci offrono altri strumenti per comprendere meglio. Ma chi ce li spiega?

UNA SOLUZIONE FINALMENTE
Un seminario/corso GRATUITO tenuto da un formatore con 15 anni di esperienza, messo a disposizione per 30 partecipanti che ha come obiettivo:

• Il tuo Conto Corrente
• Il tuo Conto Deposito
• Il tuo Conto Tascabile
• Come aumentare le proprie finanze
• Come ottenere i risultati attesi
• Strategie vincenti
• Applicazione pratica della Teoria Finanziaria
• Le regole per Investire con successo
• Come costruire il tuo Capitale
• Come gestire il tuo Capitale
• Quali prodotti e servizi usare
• Il tuo Coach (Allenatore) personale

Come per prenotare: clicca sul link sotto.

http://myndit.wufoo.com/forms/myndit-4-life-prenotazione-evento/

LA SCALATA IMPOSSIBILE

marzo 24, 2011 Lascia un commento


Dalla lettura di un libro…
…Nel 1939 un miliardario americano chiamato Dudley Wolfe partì alla volta dell’Himalaya, deciso a scalare il K2, la seconda vetta più alta della Terra, per molti la più difficile: una montagna aspra e inospitale, destinata solo a pochi alpinisti esperti e determinati.
Nonostante i limiti fisici, l’età e l’inesperienza in alta quota, Wolfe diede grande prova di coraggio e, insieme ai membri della spedizione capitanata da Fritz Wiessner, continuò a salire anche quando le forze lo stavano abbandonando.
Ma poi accadde il peggio. Wolfe, stremato nel corpo e nello spirito, non riuscì più a proseguire la scalata, né a tentare la discesa.
Per una serie di circostanze, i suoi compagni furono costretti ad abbandonarlo a 7500 metri d’altezza.
Sessantatré anni dopo, Jennifer Jordan, impegnata in alcune ricerche sul K2, scopre i resti dell’esploratore.
Decide quindi di raccontare la storia inverosimile di un uomo e la sua impresa grandiosa che dai salotti dell’alta società, alla vigilia della seconda guerra mondiale, lo ha portato fino alle gelide vette di una montagna splendida, inviolabile e maestosa…..
…. Potrei anche raccontare la storia di Richard Brenson, in particolare del suo tentativo di attraversare l’Oceano in Catamarano…. tentativo fallito una volta e riuscito la seconda…. come potrei anche raccontare la storia di Steve Whynn (proprietario dei piu’ famosi alberghi a Las Vegas ed in altre parti del mondo) di come, rimasto senza soldi… dopo aver tentato e fallito… oggi e’ uno dei proprietari di albergo piu’ famosi al mondo…
Sicuramente quello che tutti vedono, sentono o ascoltano in queste storie, e’ il lieto fine o la tragedia…
E’ sempre interessante sapere la fine. Dal finale decidete se e’ una cosa fattibile per voi oppure no… a volte! Oppure decidete se catalogare la storia come una bella storia… a volte! Oppure decidete di esprimere un parere dicendo …:- che grande uomo-: … a volte!…. Eppure, se vi fermate un istante e riflettete c’e’ dell’altro.

Quante volte avete immaginato di essere l’eroe di una grande storia? Quante volte avete sognato di essere un grande avventuriero o un grande attore/attrice o personaggio famoso… e quante volte avete sognato di essere un uomo o una donna economicamente indipendente, ricco o ricca? …..Quanti hanno veramente creduto in un sogno e l’hanno “materializzato”? ….
Spesso, qualcuno si lamenta di non essere o non avere quello che vorrebbe… e lo sentite e vedete lamentarsi della politica, dello stato, della scuola, delle religioni, del governo, del tempo, … della societa’… e del futuro che ormai, secondo lui, e’ inesistente. Questo qualcuno non riesce piu’ a vedere e provare sentimenti o sentire voci per il futuro! …. Spesso si racconta..:- e domani chissa’ … e’ inutile fare progetti… tanto chissa’ se ci saro’!!!-:… E questo stato di cose determinano il suo destino… quello che si racconta determina le sue scelte… e comunque vada, queste scelte determinano il suo futuro… Si scrive la sua storia… E’ lui a mettere i contenuti. E’ lui a fare le sue visioni. Ed e’ sempre lui a mettere in atto quei comportamenti che lo porteranno alla realizzazione del suo stato d’animo; di quello che vede… di quello che sente per lui…. Pensate! Ogni giorno abbiamo la possibilita’ di scrivere la nostra storia… Ogni giorno aggiungiamo un piccolo capitolo al nostro racconto… e ci accorgiamo che la nostra vita e’ “Qui’ ed Ora” un attimo dopo che e’ passato un attimo… Io imparo grandi lezioni dalla mia vita ed ogni giorno imparo dalle esperienze degli altri e ne faccio tesoro…
L’uomo tende a pensare solo a cose belle… anche il cervello umano immagazzina i ricordi privilegiando quelli piu’ belli, quelli che offrono le migliori sensazioni… e quindi tende a compiere azioni che, secondo lui, hanno la maggior certezza di un risultato positivo ed atteso…
Una verita’ rimane comunque assoluta nelle storie di vita, come tutte le verita’, perche’ sono vere!!!
…L’uomo ricorda i grandi uomini per le loro grandi imprese…. e le grandi imprese le compiono quegli uomini che che vivono il Qui’ ed Ora per un grande scopo…per un grande disegno… per una grande passione… e come
Tiziano Terzani, grande scrittore e Giornalista ci insegna che la vita e’ come una giostra e che ogni anno e’ come un altro giro di giostra …..dicendo:- e quando ti trovi di fronte ad una scelta, ad una strada …. prendi sempre quella in salita…. perche’ comunque ti troverai meglio…-:….,
e Steve Jobs, CEO e fondatore della Appe ci ricorda:- …Siate affamati…. siate folli…-: … Io, in questo contesto di grandi “mentori” posso solamente dedurre ed aggiungere:-…… Solo i folli compiono certe imprese!…… Solo un folle fa scelte folli !! …..E solo le scelte scrivono il nostro racconto… -:
Riccardo Proetto
Facebook
Twitter
More...

Categorie:Uncategorized

Il dono

marzo 13, 2011 Lascia un commento

Il valore di ...Un sorriso

Contribuire, crescere, conoscere, arricchirsi. The love Dare. Uno spirito comune a tutti coloro che riflettono sulle questioni importanti della vita.
Cari Amici, uno dei doni più grandi nella vita è quello di dare senza costrizioni o aspettarsi nulla in cambio. Questo per noi di è uno dei significati della vita e del “vivere bene” ed è uno dei motivi per cui abbiamo deciso di dare vita a Myndit.
Adesso, specialmente nell’epoca turbolenta che stiamo “affrontando”, quale regalo o dono potrebbe essere migliore che donare la chiave che crea quel cambiamento nelle persone per una vita ancora più straordinaria? Possiamo sempre regalare un nuovo oggetto, anche il più nuovo sul mercato volendo, ma immaginate il piacere che può dare un regalo che possa cambiare il Destino di una persona…
Le nostre decisioni condizionano e formano il nostro destino. Pensate a come, a volte, in un secondo, si prendono delle decisioni che condizionano il nostro futuro. Pensate a quando avete detto:- Sì, lo voglio… adesso basta, mai più…. o quando avete deciso di smettere di fumare o di cominciare un nuovo sport o di cambiare lavoro. Sono attimi, che a lungo termine, hanno cambiato la vostra vita, hanno scritto la vostra storia… non è vero? Pensate a cosa può significare regalare un dono che possa fortificare un matrimonio ed unire ancora di più due persone, oppure che faccia trovare il coraggio e la forza di lasciare vecchie storie per trovare la propria strada; Un dono che che possa far riscoprie l’amore tra padre e figlio; Oppure che possa fornire la chiave, che una volta girata, mostri ad una persona come raggiungere i suoi sogni come quelli finanziari, … il corpo che ha sempre sognato…..Un regalo diverso, pieno di significati, incoraggiante….. che ora, se volete, decidete Voi di fare….
….a volte basta poco per cambiare almeno la giornata di una persona…
…A volte basta Un Sorriso…
Fantastica serata a tutti!
Riccardo Proetto