Archive

Posts Tagged ‘myndit’

Facebook’s Mobile Messaging APP

novembre 5, 2011 Lascia un commento

The day when texting using your mobile phone carrier goes out of style may be upon us. If you use the Facebook mobile app on your smartphone to send the majority of messages to friends, then you are already one step ahead of the game. Facebook has released an entirely separate mobile app, dedicated completely to their messaging platform. This has the potential to replace standard text messaging overnight.

Facebooks New Mobile Messaging App

How it works

Now, when you want to contact your friends, instead of sending them a standard text message, you can simply fire up your “Messenger” app and send them a Facebook message. The messages are delivered through notifications and texts, meaning they will receive your message whether they are on their computer or their mobile device. The app is simply an extension of the Facebook Messages so your entire messaging history including your texts, chats, emails, and private messages will be available from the moment you install the app on your phone.

Group Texting

If your phone doesn’t handle group texting, this app will prove to be a great time saver for you. The Messenger app makes texting small groups extremely easy. You can quickly set up a group conversation, include your location, and upload images using the Messenger.

Facebooks New Mobile Messaging App

 

Facebooks New Mobile Messaging App

 

Facebooks New Mobile Messaging App

Best of all, the Messenger app is available for both iPhone AND Android users.

Click Here to Get the App for your smart phone now!

Let us know what you think about this new feature in the comments below!

Riccardo Proetto e Silvia Pistolesi

Personal Branding: 10 Focus Points define it.

ottobre 14, 2011 Lascia un commento

Perceptions and definitions of personal branding vary greatly and misconceptions around. Here’s my vision on it:

Personal Branding links your passions, key personal attributes, and strengths with your value proposition, in a crystal clear message that differentiates your unique promise of value from your peers and resonates with your target audience.”

What’s great about branding is that it generates the kind of chemistry that indicates good fit to decision makers assessing whether to hire you or do business with you.

In my practice, I’ve been incorporating what’s now called personal branding in my clients’ career marketing communications for many years. It’s always been my mission to differentiate them from their competition in the job market, breathe life into otherwise flat career marketing materials, and position them for job search acceleration.

1. What are your vision and purpose?

Before clearly defining your brand, look externally at the bigger picture of your vision for the world, and then internally, at how you might help the world realize your vision.

2. What are your values and passions?

You have to know yourself and what you want and need before you can move forward. Your belief system and operating principles are at the core of determining whether an opportunity in front of you will be a good fit for you. If the passions that drive you aren’t met, you probably won’t be happy.

3. What are your top goals for the next year, 2 years, and 5 years?

Work on projecting what you intend to accomplish so you can put together a strategic action plan to get there.

4. Do a self-assessment of your top brand attributes.

What 3 or 4 adjectives best describe the value you offer? What words do you use to define your personality? Here are some possibilities, but don’t limit yourself to these:

Collaborative, resilient, forward-focused, risk-taking, connected, international, visionary, diplomatic, intuitive, precise, enterprising, ethical, genuine, accessible.

5. What are your core strengths or motivated skills?

In what functions and responsibilities do you excel? What things are you the designated “go-to” person for? What would your company have a hard time replacing if you left suddenly? The possibilities are endless, but here are a few suggestions:

Identifying problems, seeing the details, leading, delegating, performing analysis, fact finding, crunching numbers, anticipating risk, motivating, mentoring, innovating, managing conflict, writing, listening, communicating.

6. Get feedback from those who know you best – at work, at home, anywhere.

The true measure of your brand is the reputation others hold of you in their hearts and minds. Notice how they introduce you to others. Ask them what your top brand attributes and core strengths are. How does your self-assessment jibe with their feedback?

7. Do a SWOT (Strengths – Weaknesses – Opportunities – Threats) analysis on yourself.

Don’t dwell on your weak points, but keep them in mind so that you don’t move into a position where that function is the main trust of the job.

8. Who is your target audience?

Determine where you want to fit in (industry and niche area of expertise). Learn what decision makers in that field are looking for when they’re vetting candidates. Find out where those decision makers hang out and what key words will attract them, and then position yourself in front of them to capture their attention.

9. Who is your competition in the marketplace and what differentiates you from them?

Determine why decision makers should choose whatever you’re offering over the others offering similar value. What makes you the best choice? What makes you a good investment? What value will you bring that no one else will?

10. Remember the 3 Cs of personal branding:

Clarity – be clear about who you are and who you are not.
Consistency – steadfastly express your brand across all communications vehicles.
Constancy – strong brands are always visible to their target audience.

What have you learned:

The work involved in uncovering your brand may seem daunting, but your efforts can benefit you immeasurably. My own brand development helped me re-focus the way I do business toward the kinds of work I’m most passionate about, and more deeply niche my target audience.

In job search, developing and communicating your personal brand can pre-qualify you as a good fit and accelerate your search. Your unique brand message differentiates the best you have to offer, gives a good indication of what you’re like to work with, and evidences how you make things happen. If want more Ask to Myndit now! www.imyndit.com

Kindly

Riccardo Proetto e Silvia Pistolesi

Facebook
Twitter
More...

Posizionare un sito su Google

settembre 24, 2011 Lascia un commento

Analizziamo alcuni passi fondamentali su come posizionare un sito web su Google, il motore di ricerca piu’ diffuso ad oggi.

Girando su internet si trovano molte risorse. Ne riportiamo alcune molto interessanti.

Ecco Alcuni passi fondamentali per posizionare correttamente ed in maniera longeva un sito web su Google.

Vediamo le caratteristiche salienti che un sito deve avere per posizionarsi nelle prime di Google e automaticamente sugli altri motori di ricerca.

il logo del motore di ricerca googlePosizionare un sito su Google, il più usato e diffuso motore di ricerca ad oggi, rappresenta un passo fondamentale per un SEO che si rispetti. Una delle regole da rispettare per posizionarsi su Google è questa: trucchi per questo motore non esistono, il vero segreto è scrivere ottimi contenuti  ben strutturati logicamente e che possono essere utilizzati.

I motori di ricerca, Google in primis, hanno compiuto passi da gigante nel valutare il posizionamento di un sito per una determinata parola di ricerca: se prima i trucchi come le “doorways” o il testo nascosto rappresentavano buoni sistemi per riuscire ad ottenere ottimi risultati, oggi sono tecniche assolutamente da bandire pena una piaga che ogni SEO che si rispetti teme ancor prima della progettazione del sito: il banning (o ban) da Google, vale a dire la cancellazione del sito dagli indici di Google, e la perdita del traffico da questo motore, che in moltissimi casi corrisponde alla “morte” stessa del sito.

Un’agenzia di posizionamento seria non proporrà mai ai suoi clienti facili risultati con trucchi e trucchetti, soprattutto per quel che concerne Google, ma anche in generale per gli altri motori di ricerca. Per posizionare un sito su Google, e riportare risultati che resistano nel tempo e soprattutto che siano immuni ai cambiamenti sempre presenti dell’algoritmo stesso, dovrà avere delle caratteristiche forti, neutre, e strutturalmente valide.

Struttura e contenuti: due aspetti fondamentali per posizionarsi su Google.

Vediamo di approfondire alcuni aspetti che consentono di maturare ottimi posizionamenti su questo importantissimo motore di ricerca. Analizziamo, in particolare alcune regole di struttura e contenuti di un sito che aspira a posizionamenti forti e stabili su Google.

  • struttura usabile: il sito deve essere progettato con una struttura lineare, con link testuali semplici ed immediati per l’utente. Tutte le pagine, nessuna esclusa devono essere rigorosamente raggiungibili da almeno un link testuale, un link statico.
  • mappa del sito: il sito deve contenere una mappa che assolve principalmente due funzioni: una funzione guida per l’utente, ed una funzione di indicizzazione delle pagine del sito per i motori di ricerca. È buona norma che la mappa del sito contenga link alle sezioni più importanti del sito, e non a tutte le pagine. La mappa del sito non deve contenere più di 100 link (regola che del resto vale per ogni pagina generica): nel caso sarà buona norma suddividere la mappa su due pagine. Esiste anche un servizio di Google che consente di creare una mappa del sito particolarmente congeniale per questo motore: Google Sitemaps;  trovi tutte le informazioni per la creazione di una mappa del sito con Google Sitemaps.
  • content is king: il sito deve avere buoni contenuti, e l’aspetto sicuramente è fondamentale per posizionarsi su Google, e su qualsiasi altro motore di ricerca. In aggiunta a caratteristiche di usabilità e struttura, un sito con ottimi contenuti rappresenta una caratteristica fondamentale per scalare le posizioni dei motori di ricerca e di Google in particolare. Buoni contenuti portano altri webmaster a linkare spontanemente un sito, caratteristica che altrimenti non è raggiungibile artificiosamente: i link spontanei rappresentano un voto e quindi un indice di bontà a livello di contenuti e risorse del sito stesso.
  • scrivere i siti in HTML corretto: un codice pulito, corretto, che rispetta gli standard del  W3C, con una corretta centralizzazione del codice, ed un uso appropriato dei fogli di stile “CSS”, rappresentano un valore  in più per posizionarsi sui motori di ricerca.
  • usare gli attributi alt e title in maniera appropriata: Google dice apertamente nelle sue linee guida che gli attributi alt e title devono essere descrittivi e precisi. Attribuisce molta importanza alla corretta caratterizzazione di questi due attributi, il cui uso appropriato rappresenta indice di usabilità del sito.
  • le pagine devono essere progettate per gli utenti e non per i motori di ricerca: bisogna scrivere i contenuti e pensare alla struttura del sito, pensando agli utenti, che saranno i veri fruitori del sito. Automaticamente il sito sarà apprezzato dai motori di ricerca: uso di eccessive ripetizioni testuali, come il “keyword stuffing”, saranno scarsamente apprezzate dagli utenti, in quanto poco leggibili, e di conseguenza le pagine che ne fanno uso, e di norma il sito per intero, saranno oggetto di penalizzazione da parte dei motori di ricerca.

Posizionare un sito su Google, non è frutto di un’applicazione meticolosa di regole meccaniche, che sono i fondamenti del posizionamento su ogni motore: serve tenacia nell’ aggiornamento costante dei contenuti. Soprattutto quando il sito è nella fase di sandbox, il presunto filtro attuato da Google per i siti di nuova creazione, offrire risorse agli utenti, essere innovativi, curare il sito in maniera costante nel tempo, pubblicizzare il sito, procurare popolarità e traffico di utenti interessati. Sono sconsigliati gli scambi link, a meno che non siano fortemente tematizzati, linkando sempre e comunque solo siti che offrono buoni contenuti e che non usino tecniche scorrette e spam, o comuqnue tecniche che potrebbero violare le linee guida di Google. Per una visione più approfondita delle norme fondamentali da usare per progettare un buon sito ben posizionabile su Google, consigliamo a tutti gli aspiranti SEO o comunque webmaster di attenersi scrupolosamente alle linee guida di Google, che rappresentano i principi fondamentali per la costituzione di un qualsiasi sito, a prescindere dal posizionamento: usabilità e posizionamento è un binomio che si sentirà molto spesso, che vale non solo per Google, ma anche per tutti gli altri motori di ricerca. Riccardo Proetto e Silvia Pistolesi

Una sezione interamente dedicata al posizionamento dei siti su Google.

Come Posizionarsi su Google ai primi posti

settembre 24, 2011 Lascia un commento

Girando su internet si trovano molte risorse. Queste che abbiamo raccolto sono molto interessanti.

Posizionamento ai primi posti su Google – posizionamento nelle prime posizioni di Google
Essere al primo posto su Google per un gran numero di parole di ricerca e mantenere tale posizionamento nel tempo può risultare spaventosamente efficace per una qualsiasi attività:

la visibilità che si ottiene in un caso del genere è esponenziale ed incrementa in maniera tangibile il business di un sito web

Essere al primo posto di Google per ogni chiave di ricerca che si possa pensare non è possibile o meglio non è un’attività da promettere specie per una specifica parola di ricerca: nessuna agenzia potrà garantire di essere nella prima posizione su Google per una certa parola e per un periodo di tempo prefissato; ha senso per voi questo? Non siamo noi a dirlo: ma è lo stesso Google che a proposito dell’operato delle agenzie SEO dichiara:“Nessuno può garantire che il tuo sito compaia al primo posto nei risultati di Google.”

È altrettanto vero che la agenzie che lavorano in piena conformità alle linee guida di Google e che investono il budget corrisposto dal cliente in interventi di miglioramento generale della qualità del sito a livello di ottimizzazione, contenuti, linearità di struttura, pulizia del codice, popolarità e molti altri fattori primari per i motori di ricerca e per Google in particolare, hanno grandi possibilità di posizionarsi al primo posto ed a conservare nel tempo la posizione.

Nella maggior parte dei casi per avere ottimi risultati prima di raggiungere la prima posizione su Google, sarebbe bene puntare alla prima pagina di Google che comunque è un ottimo risultato. Se è raggiunta per un grande numero di parole chiave correlate alla propria attività inoltre, lavorare per i posizionamenti sul motore di ricerca Google significa raggiungere i primi posti per gli altri motori di ricerca in molti casi e quindi migliorare notevolmente le visite di potenziali clienti sul proprio sito.

Non basta raggiungere le prime posizioni in Google: bisogna anche mantenere i posizionamenti raggiunti con una strategia di posizionamento a lungo termine studiata per Google ma soprattutto per il vostro target di utenti e clienti.

Riccardo Proetto e Silvia Pistolesi

Il dono

marzo 13, 2011 Lascia un commento

Il valore di ...Un sorriso

Contribuire, crescere, conoscere, arricchirsi. The love Dare. Uno spirito comune a tutti coloro che riflettono sulle questioni importanti della vita.
Cari Amici, uno dei doni più grandi nella vita è quello di dare senza costrizioni o aspettarsi nulla in cambio. Questo per noi di è uno dei significati della vita e del “vivere bene” ed è uno dei motivi per cui abbiamo deciso di dare vita a Myndit.
Adesso, specialmente nell’epoca turbolenta che stiamo “affrontando”, quale regalo o dono potrebbe essere migliore che donare la chiave che crea quel cambiamento nelle persone per una vita ancora più straordinaria? Possiamo sempre regalare un nuovo oggetto, anche il più nuovo sul mercato volendo, ma immaginate il piacere che può dare un regalo che possa cambiare il Destino di una persona…
Le nostre decisioni condizionano e formano il nostro destino. Pensate a come, a volte, in un secondo, si prendono delle decisioni che condizionano il nostro futuro. Pensate a quando avete detto:- Sì, lo voglio… adesso basta, mai più…. o quando avete deciso di smettere di fumare o di cominciare un nuovo sport o di cambiare lavoro. Sono attimi, che a lungo termine, hanno cambiato la vostra vita, hanno scritto la vostra storia… non è vero? Pensate a cosa può significare regalare un dono che possa fortificare un matrimonio ed unire ancora di più due persone, oppure che faccia trovare il coraggio e la forza di lasciare vecchie storie per trovare la propria strada; Un dono che che possa far riscoprie l’amore tra padre e figlio; Oppure che possa fornire la chiave, che una volta girata, mostri ad una persona come raggiungere i suoi sogni come quelli finanziari, … il corpo che ha sempre sognato…..Un regalo diverso, pieno di significati, incoraggiante….. che ora, se volete, decidete Voi di fare….
….a volte basta poco per cambiare almeno la giornata di una persona…
…A volte basta Un Sorriso…
Fantastica serata a tutti!
Riccardo Proetto

www.imyndit.com – Siamo ON Line – Grazie Pari

gennaio 15, 2011 Lascia un commento

http://www.imyndit.com
Non scrivetevi il sito sul vostro taccuino! Non segnatelo tra i preferiti! Non ricordate il nome del sito Imyndit come fosse un Iphone o un Ipad! La fortuna inizia per    I …. basta ricordarselo.
http://www.Imyndit.com

Felice navigazione a tutti, Riccardo e Silvia